Fuga da Alcatraz

Fuga da Alcatraz, da un carcere in mezzo al mar, una evasione mai riuscita, da quella struttura in tutta la sua vita. Anche se si é in una prigione di massima sicurezza, la voglia di libertà supera qualsiasi consapevolezza. La sfida dell’uomo per la sua sopravvivenza, fa si che si adegui a tutto con la sua resilienza. Gli ultimi attimi prima della fuga sono stati preceduti da mesi di resistenza e non conta se gli evasi arrivino alla meta, purché ci sia una minima speranza.

Codice d’onore

Codice d’onore, é quello che usato ai soldati da valore ? In fondo aiutare un compagno non é onorevole ? E punirlo invece non é deplorevole ? Alla giustizia l’arduo compito di sentenziare, quale é per un soldato il modo giusto di doversi comportare. Alla fine nessun codice d’onore fa di te un uomo, se non conosci la pietà e il perdono.

La ricerca della felicità

La ricerca della felicità non si sa a cosa porterà, l’importante é credere, anche quando nessuno pensa tu possa vincere. Perseverare é l’arma, che tutti gli altri disarma, cogliere l’occasione quando si presenta, non si ha niente da perdere se si tenta. Quando alla fine la felicità avrai trovato, capirai che era sull’ultimo treno che si era fermato, ma l’importante era il viaggio, senza il quale non avresti mostrato il tuo coraggio.

SLUG: ST/PURSUIT15
INPUTDATE: 2006-12-13 16:22:37.643
CREDIT: Zade Rosenthal/FROM_PHOTOPOST/Columbia Pictures
LOCATION: x, , x
CAPTION: Will Smith (left) and Jaden Christopher Syre Smith star in Columbia Pictures’ drama The Pursuit of Happyness.
Sent by: Rachel Beckman
Photo Editor:

Il pianeta delle scimmie

Il pianeta delle scimmie, la nostra origine e la nostra fine, noi ci distruggiamo con le nostre mani e siamo così simili ad animali. Che sia un incubo o un sogno, la storia pretende il suo resoconto e se bisogna tornare ai nostri avi, non é possibile esserne schiavi. Prima che sia troppo tardi, l’uomo deve compiere una scelta, solo così l’umanità dagli animali sarà diversa.

La maschera di ferro

La maschera di ferro nasconde dell’anima il bello, quando il re deve essere uno, a volte é meglio scegliere nessuno. Ma il tempo é galantuomo e mette il vero re sul suo trono, fatto di amore per il suo popolo e ricambiato da ogni suo discepolo. La maschera di ferro ora non deve più portare, ma tra la sua gente deve piacevolmente camminare.

Pensieri pericolosi

Pensieri pericolosi, solo quelli mi vengono in mente a forti dosi, quando il ghetto é il tuo contesto e la scuola non riesce a fare il resto. Solo quando qualcuno si batte per il tuo futuro, allora ti sembra meno duro, ma il destino a volte é strano e per lui ogni tuo cambiamento é invano. Perdere un ragazzo può capitare, ma tutti gli altri si devono salvare e i tuoi pensieri da pericolosi diventeranno pensieri orgogliosi.

Fuga per la vittoria

Fuga per la vittoria, a noi non serve la vana gloria, serve solo la libertà, che nessuno mai ci darà. Una partita per la vita, una vittoria a cosa sarebbe servita ? Ce ne siamo resi conto giocando, che quella partita valeva quanto la libertà che stavamo cercando. Onorando il campo fino alla fine, la nostra gente ci ha regalato il nostro fine. La libertà l’abbiamo conquistata, con quella partita tanto ben giocata.

Sopravvivere

Sopravvivere, quando le sconfitte si fanno sempre più fitte, quando ai provini non prendono te, ma i burattini. Credere in se stessi sempre, anche quando gli altri ti dicono che non hai talento e rimani inerme, quando senti che il mondo non ti appartiene, ma fai finta di star bene. Sei una forza Manero, la tua grinta é il tuo sentiero, vai a fotterti il mondo, anche se sai che é immondo.

STAYING ALIVE, John Travolta, 1983, (c) Paramount

Rambo

Rambo é tornato da una guerra che non é durata un lampo, una guerra senza vincitori, senza gioie e senza onori. Il Vietnam ti rimane dentro e dopo non puoi dire io non c’entro, ovunque ti senti fuori posto eppure per la tua patria hai combattuto ad ogni costo. É strano come un soldato, da tutti sia dimenticato, eppure lui é un uomo, non é in cerca di un alloro, ma del rispetto della gente, ma ormai nessuno più lo sente.